Tag: villa maria livorno

RIDIAMO VITA AI PARCHI PUBBLICI

RIDIAMO VITA AI PARCHI PUBBLICI ABBANDONATI, A PARTIRE DA VILLA MARIA.

Questo vuole essere un progetto che coinvolge tutti gli operatori del terzo settore e del sociale della città di Livorno (ripetibile anche a livello provinciale e regionale) per la riqualificazione di  tutte le ville ed i parchi pubblici presenti nella città in modo da rendere le stesse nuovamente vive e vivibili. Ogni associazione NO PROFIT, si prenderà carico (con fondi stanziati dal Comune, donazioni dei cittadini interessati e raccolte crownfunding ) di ogni singola villa ed ogni singolo parco presentando  un progetto per essa completo di business plan  in modo da instituire un tavolo tecnico (composto da istituzioni, operatori del settore e tecnici) per poi  vagliare ed approvare il progetto e elargire i fondi necessari  in modo da  attuare in tempi brevissimi e poco burocratici le azioni da portare avanti. Si
andrebbe in questo modo a creare un punto di ritrovo per i cittadini, si ridurrebbe la criminalità che ad oggi esiste dentro questi parchi e ville, a causa del fatto che essi sono poco frequentati con la loro trasformazione in territorio per balordi, teppisti e tossici.

Ogni parco o villa deve essere usufruibile al 100% da chi ha disabilità, senza alcuna barriera architettonica. Dovranno essere dotati di rete di wi-fi libera, in modo da dare a tutti la possibilità di essere connessi.

Le associazioni che hanno preso in carico i parchi dovranno predisporre delle app funzionali in modo che chi si iscrive possa interagire con loro e fare proposte o sollevare problemi.

Per ogni villa comunale andremmo a inserire uno sgambatoio, si eviterà così di far girare i proprietari con i cani legati per le ville e ci sarebbe più pulizia, oltre al fatto di avere sempre la zona vissuta e monitorata.

Facciamo un esempio concreto con VILLA MARIA di via Calzabigi/via Redi: oltre al ripristino della struttura principale (che è stato avviata) esiste un’altra struttura di piccolissime dimensioni dove si potrebbe creare un chiosco (bar pizzeria) con una pedana di discrete dimensioni utilizzabile non solo per le persone durante il giorno, ma potrebbe essere destinata ad ospitare serate danzanti. In questo modo ci riapproprieremmo di questa villa come delle altre se per ognuna fosse presentato e gestito un progetto.

Francesco Vitabile

Presidente

HRD_ONG Resilienza Italia ONLUS